Aggregazione tra Bedano e Gravesano: istituita la Commissione di studio

Aggregazione tra Bedano e Gravesano: istituita la Commissione di studio

Comunicato stampa

Il Consiglio di Stato ha approvato l’istanza di aggregazione inoltrata dai Municipi di Bedano e Gravesano e ha istituito la Commissione di studio incaricata di elaborare il progetto aggregativo.

Dando seguito all’istanza per l’avvio di uno studio di aggregazione sottoscritta il 13 novembre 2018 dai Municipi di Bedano e di Gravesano, il Consiglio di Stato ha nominato in data odierna l’apposita Commissione incaricata di allestire lo studio aggregativo ai sensi della Legge sulle aggregazioni e separazioni dei Comuni.

Il Governo valuta con favore l’iniziativa promossa dai comuni di Bedano e Gravesano, che si inserisce in modo coerente nell’approccio indicato dal Piano cantonale delle aggregazioni (PCA), recentemente approvato dal Consiglio di Stato e ora all’esame del Gran Consiglio. Il PCA predilige infatti le iniziative provenienti dal basso, orientate al consolidamento istituzionale e al rafforzamento dell’organizzazione e del servizio alla cittadinanza. La proposta coinvolge due comuni confinanti appartenenti al comprensorio Malcantone Est definito nel PCA, che prevede la possibilità di realizzare gli scenari in tappe successive, ed è pertanto pienamente in linea con gli orientamenti cantonali in tema di aggregazioni.

La Commissione di studio, i cui rappresentanti sono stati designati dai rispettivi Municipi, è composta da:

Per il Comune di Bedano:
Dario Fraschina, sindaco Silvio Vassalli, vice sindaco Michele Panarelli, municipale
per il Comune di Gravesano:
Maurizio Anghileri, sindaco Tiziana Meregalli, vice sindaco Juri Rotta, municipale

e dai rispettivi segretari comunali, Curzio Sasselli (Bedano) e Graziano Cremona (Gravesano), questi ultimi con ruolo tecnico.
La Commissione potrà avvalersi del supporto di consulenti esterni e costituire gruppi di lavoro su temi specifici.
Il contatto con il Dipartimento delle istituzioni verrà assicurato dalla Sezione degli enti locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.