Corsi professionali per la sicurezza privata (CPsicur)

Corsi professionali per la sicurezza privata (CPsicur)

Lo scorso 15 aprile 2013 il Gran Consiglio ha approvato la modifica della Legge sulle attività private di investigazione e sorveglianza (LAPIS) dell’8 novembre 1976 nella quale è stato introdotto l’obbligo di formazione per tutte le persone impegnate in attività di sicurezza privata sul territorio cantonale.
 
Nella sua seduta del 18 dicembre il Consiglio di Stato ha approvato la conseguente modifica del Regolamento di applicazione della Legge (RLapis) che, tra l’altro, assegna alla Divisione della formazione professionale (DFP) del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), la competenza di organizzare e attuare gli interventi formativi. Contemporaneamente il DECS ha approvato il regolamento concernente la formazione professionale per la sicurezza privata e gli esami per l’ottenimento del relativo certificato (CPsicur).
 
A partire dal 1° gennaio 2014, quindi, gli agenti di sicurezza privata saranno tenuti a frequentare un corso di base della durata di 40,5 ore, nelle quali sono compresi gli esami teorici e pratici. Le materie d’insegnamento comprendono: psicologia e comunicazione, diritto, primi soccorsi nonché conoscenze professionali.
 
Al termine della formazione sarà rilasciato il certificato e per poter svolgere l’attività occorre richiedere l’autorizzazione al Servizio autorizzazione della Polizia cantonale.
 
Norme transitorie sono previste per gli agenti che già operano nel settore. Il possesso del diploma cantonale di agente di sicurezza privata o dell’attestato professionale federale di agente di sicurezza e sorveglianza, comporta il rilascio del certificato dopo aver seguito i corsi professionali per la sicurezza privata (CPsicur), senza ulteriore obbligo di formazione.
 
Nei primi mesi del 2014 saranno elaborate disposizioni simili anche per gli investigatori privati, i quali sono pure sottoposti a una formazione obbligatoria.
 
Contemporaneamente è allo studio un percorso formativo per i dirigenti delle imprese di sicurezza privata e delle agenzie di investigazione.
 
Tra le modifiche proposte nel Regolamento d’applicazione sono state ridefinite le attività di sicurezza considerate di “secondaria importanza” e affidate a personale sprovvisto di una formazione adeguata. Le attività considerate come secondarie sono il controllo di entrate e uscite durante manifestazioni sportive, così come il servizio cassa senza facoltà di perquisire le persone. Nell’ambito del disciplinamento del traffico sono valutate ancora secondarie le segnalazioni nei parcheggi o nei passaggi pedonali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.